Marketing non convenzionale: Sarà l’idea che non hai ancora avuto a cambiare il tuo business?

Immaginate di trovarvi sulla riva di un lago, insieme a centinaia di altre persone. Una di loro raccoglie un sasso e lo getta in acqua. Il rumore richiamerà l’attenzione di tutti e magari qualcuno ricorderà pure il colore del maglione di chi ha scagliato il sasso. Adesso immaginate che altre dieci, cinquanta, duecento persone facciano la stessa cosa. Riuscireste a distinguere il sasso scagliato da ciascuno di loro?

Fate un ultimo sforzo. Immaginate, nel caos generale, un sasso che salta sul pelo dell’acqua attraversando il lago da parte a parte o un masso rotolare dalla montagna e sprofondare in acqua facendovi bagnare i piedi. Qualcuno si ricorderebbe delle decine di centinaia di altri sassi scagliati tutti allo stesso modo?

Ri-co-no-sci-bi-li-tà.

Sette sillabe e un accento sulla a. Un concetto semplice ma allo stesso tempo effimero, attraente quanto pericoloso.

Cosa vuol dire essere riconoscibili con il marketing non convenzionale?

Fare meglio degli altri? Sì. Fare più degli altri? Perché no! Fare prima degli altri? Certamente. Ma se bastasse questo (come se fosse poca roba), non avremmo bisogno di guardare quanto lontano è arrivato il sasso del nostro vicino, o quanto rumore ha fatto finendo in acqua.

E invece, non possiamo permettercelo. Stiamo sempre in guardia e pensiamo a quale sasso scagliare, a che distanza, a scegliere le dimensioni più adatte, al peso più giusto.

Ma ci siamo realmente chiesti se scagliare sassi sia la cosa giusta da fare?

Spesso la scelta più efficace è anche la più semplice, diceva qualcuno…ma anche la più coraggiosa, aggiungo io. Allora essere riconoscibili significa essere più coraggiosi degli altri? Beh, direi che ci può stare. Ma non basta.

Qual è la cosa più eccentrica, graffiante, singolare, elettrizzante, disturbante, provocatoria, irriverente, destabilizzante che vi viene in mente?

Ecco. Pensatela, immaginatela, assaporatela e proiettatela al vostro business. E forse neanche quella potrebbe essere la strada giusta.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp