GOOGLE SEARCH ANNUNCIA LE NUOVE MODIFICHE

Importante novità in arrivo per Google Search! La compagnia americana ha anticipato su Twitter che i risultati di ricerca cambieranno al fine di premiare la diversificazione dei siti.

Danny Sullivan, guru della SEO a livello mondiale, è intervenuto per commentare l’update dell’algoritmo, ma anche la nuova strategia di comunicazione adottata da Google.

LE NUOVE MODIFICHE ALLA SERP

“Have you ever done a search and gotten many listings all from the same site in the top results? We've heard your feedback about this and wanting more variety. A new change now launching in Google Search is designed to provide more site diversity in our results”.

Questo uno dei tweet di Google.

La grande novità riguarda i risultati di ricerca che, fino a nuovi aggiornamenti, includeranno un massimo di due risultati dello stesso dominio, aumentando la diversità della SERP.

Google ha dichiarato che l’obiettivo del nuovo aggiornamento è quello di offrire agli utenti una varietà di risultati di ricerca, il che vuol dire che tutti gli elenchi dei sottodomini e del dominio principale verranno considerati come lo stesso singolo sito. Tuttavia, come affermato da Google stesso in un tweet, sarà suo diritto considerare i sottodomini come siti separati se il contenuto sarà ritenuto rilevante (un esempio è Amazon).

Danny Sullivan ha affermato che “questo nuovo aggiornamento inciderà solo sui risultati principali di Google, mentre altre funzionalità di ricerca come le migliori storie, video, immagini e altre ricerche rimarranno inalterate”.

Dunque, il posizionamento delle pagine rimarrà inalterato, ma verranno modificati gli URL nel risultato di ricerca.

IL RILASCIO DELL’UPDATE ANTICIPATO VIA TWITTER

Altra importante novità, che non è sfuggita ai web master e alla comunità SEO tutta, è la nuova strategia di comunicazione adottata da Google per gli update.
Google aggiorna regolarmente il suo algoritmo e raramente si è preoccupato di comunicare l’aggiornamento, né tantomeno di specificare cosa è stato modificato. Sta agli esperti SEO notare questi aggiornamenti quando c’è un cambiamento significativo che interessa ogni sito web.

Capita poi che attraverso le varie community e i vari forum se ne parli e ci si scambi informazioni e capita, come successo a marzo, che gli esperti SEO in massa pongano domande a Big G e che lui risponda con un tweet ufficiale per confermare l’aggiornamento:

“This week, we released a broad core algorithm update, as we do several times per year. Our guidance about such updates remains as we’ve covered before. Please see these tweets for more about that […]”

Fino ad inizio anno, quindi, Google si limitava a confermare il rilascio dei suoi aggiornamenti solo a seguito di domande o particolari promozioni.

PERCHÉ GOOGLE HA DECISO DI CAMBIARE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE?

Da qualche mese Google ha deciso di comunicare preventivamente il rilascio degli aggiornamenti tramite Twitter. Il motivo di questo cambio di strategia di comunicazione non ha lasciato indifferenti gli esperti SEO, che si sono sbizzarriti sulle risposte dando sfogo alla libera interpretazione, creando dibattiti e aprendo discussioni a riguardo.

Secondo alcuni, il motivo dipenderebbe dalla portata dell’aggiornamento. L’attuale update potrebbe scombussolare le SERP presenti e i posizionamenti, di conseguenza Google avrebbe deciso di avvisare con anticipo gli addetti ai lavori per non farli trovare impreparati.

Altri hanno pensato che si tratti solo di un modo per evitare allarmismi e il conseguente susseguirsi di notizie errate, cosa che succede puntualmente dopo ogni cambiamento sospetto della SERP.

Danny Sullivan è intervenuto anche in questo caso, scrivendo su Twitter che l’intenzione di Google è quella di non lasciare le persone “di stucco e preoccupate di fronte alla novità”.

CONCLUSIONI

Ricapitolando, Google continua il suo costante lavoro di miglioramento e perfezionamento della SERP, analizzando e interpretando la query di ricerca per cercare di offrire agli utenti i contenuti più rilevanti.

Per saperne di più leggi l’articolo SEO: cos’è e come funziona.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Articoli recenti