Progressive Web App (PWA): nel 2019 sostituiranno le app su smartphone e tablet?

Quando si parla di tecnologia il processo di innovazione è una costante e il 2019 sarà il momento di gloria per le progressive web app.

Tutti noi utilizziamo quotidianamente decine di app sui nostri dispositivi mobili per compiere qualsiasi tipo di azione: controllare le previsioni meteo, leggere quotidiani, ascoltare musica e via dicendo. Da qui l’esigenza per gli sviluppatori di applicazioni mobili di trovare soluzioni sempre più performanti.

In questi ultimi mesi sono nate le progressive web app, dette anche PWA, che rappresentano la nuova sfida tecnologica dell’anno e potrebbero soppiantare le normali app. Scopriamo insieme cosa sono e quali vantaggi potrebbero portare.

Progressive web app: cosa sono le PWA?

Per poter capire a cosa ci si riferisce quando si parla di PWA occorre distinguire tra app native (o native app) e web app.

Per app native o classiche si intendono tutte quelle applicazioni sviluppate per un determinato sistema operativo. Da qui la distinzione tra app per Android e quelle per iOS, che sono compatibili solamente con i sistemi operativi per cui sono state concepite.

Per web app ci si riferisce invece alle versioni mobili delle pagine web. In questo caso gli utenti non hanno necessità di installarle, ma sono meno performanti rispetto ad un’app nativa che ti ritrovi facilmente sulla home del tuo smartphone.

Le progressive web app possono essere definite come un mix virtuoso tra le due: come le native le troviamo utilizzabili sulla home del nostro smartphone, come le applicazioni web non è necessario che siano scaricate dall’app store.

Progressive Web App: i vantaggi

Per comprendere le potenzialità delle PWA e del perchè rappresentano la nuova sfida tecnologica del 2019 diamo uno sguardo ai vantaggi da loro posseduti:

  • Velocità: hanno una velocità di caricamento maggiore rispetto alle web app, determinando un miglioramento della user-experience degli utenti;
  • Responsive: si adattano a qualsiasi sistema operativo e a qualsiasi dispositivo;
  • Indicizzazione: l’algoritmo dei motori di ricerca le indicizza molto meglio rispetto ad applicazioni native e ad applicazioni web;
  • Nessuna installazione: non necessitano di essere scaricate da alcuno store, quindi sarà molto più semplice averle disponibili;
  • Notifiche push: come un’applicazione nativa, le PWA consentono l’invio di notifiche e interagiscono con le funzionalità del telefono;
  • Modalità offline: scaricando il sito in cache ne consentono l’utilizzo anche in presenza di connessione internet bassa o del tutto assente;
  • Update costante: non necessitano di essere aggiornate separatamente dal sito web, quindi ogni volta che il sito viene aggiornato anche la WPA si aggiornerà;
  • Poco spazio per l’archiviazione: non necessitando di alcuna installazione, occupano molto meno spazio di archiviazione rispetto ad un’app nativa.

Come ogni nuova tecnologia anche le progressive web app subiranno continue ottimizzazioni col passar del tempo (ad esempio non sono oggi compatibili con alcune funzionalità iOS), ma sicuramente rappresentano il trend tecnologico del 2019 più interessante sul fronte applicazioni.

Per saperne di più e scoprire come realizzare la PWA che fa al caso tuo visita la nostra sezione dedicata Realizzazione Progressive Web App.

Se vuoi leggere altri articoli come questo, dai un’occhiata a Web Marketing per la tua App: 4 Passi per il successo.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp