CAMPAGNE VIDEO MARKETING EFFICACI

Oggi vedremo cosa occorre per fare campagne video marketing efficaci. E vedremo anche qualche esempio di campagne che hanno riscosso un gran successo, a cui potete ispirarvi per costruire la vostra strategia.

Ma prima di passare agli esempi, vediamo cosa occorre per implementare una strategia di video marketing e perché è importante farlo.

Innanzitutto per produrre un buon video occorre avere bene in mente il messaggio che si vuole trasmettere ed elaborare idee creative per veicolare quel messaggio nel modo più accattivante possibile. Bisogna puntare a distinguersi, perché i classici video aziendali non fanno più tendenza. Tuttavia bisogna stare anche attenti a non esagerare. State attenti a mantenere sempre la vostra identità aziendale, senza snaturarla troppo, perché fingere non servirebbe a nulla e il tentativo di apparire quello che non siete potrebbe in realtà rivelarsi un grande fallimento.

Ogni azione, che si tratti della pubblicazione di video, post o articoli di blog, che si tratti di e-mail marketing o di Facebook/ Google ads, tutto deve avere uno scopo preciso e rientrare nel funnel di vendita. L’obiettivo di ogni strategia di marketing è quello di portare traffico al sito web, avvicinare i potenziali Clienti e indurli all’acquisto di un prodotto o un servizio.

Sono sempre di più le aziende che decidono di integrare i video nelle loro strategie di comunicazione.
La società e-Marketer, società di ricerche di mercato che fornisce approfondimenti e tendenze relative al web marketing, ai media e al commercio, ha effettuato uno studio che dimostra che, in America, gli investimenti sulla strategia di video marketing aumentano ogni anno. Questo studio mostra anche la crescita dell’attenzione rivolta ai dispositivi mobili, sempre più utilizzati dagli utenti.

Che la comunicazione avviene soprattutto attraverso le immagini, ormai è un dato di fatto. La componente visuale ha acquistato una grande importanza e questo ha portato gli imprenditori a sviluppare nel corso degli anni una video marketing strategy. L’efficacia di un video tuttavia non è scontata, come abbiamo già detto.

Affinché un filmato diventi virale devono coesistere più fattori: il video deve essere di qualità, deve avere trama e deve trasmettere emozioni. Rispetto a un articolo o ad una semplice e sterile brochure, un video permette di presentare un prodotto in modo chiaro e veloce, di mostrare l’uso che si può fare del prodotto e illustrarne in modo più efficace le caratteristiche. Ovviamente l’approccio al video marketing dipende dalla tipologia della Clientela. Vediamo qualche esempio di campagne video efficaci.

LE CAMPAGNE VIDEO MARKETING DI COCA COLA

La capacità di un brand di attuare una video content strategy non riguarda solo l’aspetto puramente commerciale del prodotto. Il prodotto può essere messo in secondo piano e diventare strumento a favore di una causa meritevole di attenzione. In questo Coca Cola è molto brava. Far rientrare tematiche rilevanti per la comunità, nella propria strategia di comunicazione e marketing, è molto importante perché mostra un brand sensibile e un impegno, da parte dello stesso, ad attivarsi per portare avanti valori etici e morali.

CAMPAGNE SOCIALI

Nel 2014, Coca Cola ha avviato una campagna marketing a favore delle migliaia di lavoratori dell’Asia del sud, che ogni giorno lasciano i propri familiari e si recano a Dubai per lavoro, nella speranza di un futuro migliore da assicurare alla propria famiglia. Per quella campagna Coca Cola ha trasformato i tappi delle sue bottiglie in valuta. Ogni tappo permetteva ai lavoratori di sentire telefonicamente i propri cari, grazie all’apposita cabina telefonica creata dal brand. In questo modo ciascun lavoratore ha potuto fare gratuitamente una chiamata che normalmente avrebbe pagato $0.91 al minuto. Una bella iniziativa, considerando che il costo di una telefonata giornaliera grava molto sui lavoratori, essendo essi pagati solo 6$ al giorno.

CAMPAGNE AMBIENTALISTE

Nel 2017, la Coca Cola Gran Bretagna ha creato un annuncio incentrato sul riciclaggio chiamato “Love Story”. La pubblicità, che comprendeva un set interamente realizzato con materiale riciclabile, rappresentava due bottiglie di plastica che si innamoravano più e più volte, tutto grazie alla magia del riciclo. In occasione di quella campagna la Coca Cola ha annunciato l’intenzione di raccogliere e riciclare l’equivalente di tutti i suoi imballaggi entro il 2030.

SUBITO.IT

Subito Italia si distingue per i suoi colpi di genialità e ironia. Ne sono un esempio le sue campagne “Pimp my” o quella lanciata nel 2018, in occasione delle festività natalizie, dal titolo “Babbo Natale, svegliati!”.

Questa campagna, senza smontare il mito dell’esistenza di Babbo Natale, ironizza sul fatto che non sempre sotto l’albero troviamo i regali che speriamo. Come spesso si dice, “chi fa da sé, fa per tre” e quindi tanto vale optare direttamente per gli auto-regali, grazie a subito.it! La bravura di questo brand consiste nel creare suspense, nell’attuare la tecnica dello storytelling per poi finire con l’evidenziare la convenienza del suo servizio. “Regali che Babbo Natale muto” (cit!).

LE CAMPAGNE PIMP MY

La progettazione di una campagna video non può lasciare nulla al caso. Con le campagne “Pimp my…” Subito Italia dimostra di aver curato ogni dettaglio.

C’è chi ha definito queste campagne “un nonsense che acquista un senso”! Un humor inglese, un inizio da documentario, con uno speaker dalla voce corposa che amplifica la comicità del testo pubblicitario.

“Il panda, un animale tenero […] Fru fru fru, bibibi. Chi è il panda più bellino? Io non lo so. So che invece questa Panda usata non è tenera […] Un motore violento, un bagagliaio pieno di rabbia, un paraurti da paura, infatti si chiama -paura-urti”. Questa serie di campagne con cui Subito Italia ha vinto l’oro negli ADCI Awards – Art Directors Club Italiano – del 2016 nella categoria Cyber 1.

CAMPAGNE DI REFERRAL

Una campagna classica, ma efficace, che dà voce ai Clienti del brand. È il caso della campagna “Flavia, la leggerezza del superfluo”, di Subito Italia. Flavia è un’impiegata di 29 anni e ha messo su casa da poco. Per lei comprare e vendere su Subito significa avere di più con allegria, senza troppe spese o rinunce… con un occhio rivolto al “green”. Una campagna semplice, non d’impatto come quella precedente, ma sicuramente vicina alle esigenze di chi vuole avvicinarsi al mondo della vendita online di cose usate.

D’altronde, si sa che le campagne video autoreferenziali non riscuotono un grande successo perché un’utente, che non conosce un brand e non ha mai acquistato un suo prodotto o servizio, cercherà sempre le recensioni di altri utenti prima di procedere all’acquisto.

COME PORTARE TRAFFICO AL SITO TRAMITE I VIDEO

Con un numero crescente di canali emergenti, punti di contatto, informazione e nuove tecnologie per i brand, al giorno d’oggi ci sono tutte le possibilità per creare ottime campagne di digital marketing.

Il filo conduttore è migliorare il riconoscimento del brand utilizzando diversi canali digitali, con un obiettivo comune: portare traffico al sito ed emergere rispetto alla concorrenza.

Esistono quattro strategie per far sì che un video port i potenziali Clienti a visitare il vostro sito:

  • Inserire il link nelle didascalie del video: sia che il video venga caricato su YouTube, sia che venga condiviso su Facebook o su qualsiasi altro social. Meglio creare dei link appostiti e più corti, in modo da occupare meno spazio nella didascalia e poter tracciare le visite che derivano da quell’url appena creato. Sarà così possibile anche valutare l’efficacia della singola campagna;
  • Inserire il link nelle note di un video su YouTube: questo canale permette di inserire delle note e anche degli elementi grafici con diverse funzioni. Una di queste è dedicata proprio ai link, che è possibile inserire se al nome del canale è stato associato il dominio del sito.
  • Usare l’advertising: in questo senso Facebook rappresenta una delle realtà più significative. I video pubblicati e sponsorizzati sui social network permettono di catturare l’attenzione degli utenti e spingerli verso una specifica CTA, cioè una specifica azione.
  • Lavorare sulla SEO: con un buon lavoro di SEO si può portare Google a riconoscere un video all’interno delle pagine del vostro sito, in modo da far apparire quel contenuto tra i risultati di ricerca, insieme ai contenuti YouTube, ma con la differenza che quel video porterà traffico direttamente al vostro sito.

Se ti interessa approfondire il canale YouTube, puoi leggere il nostro articolo su Come attuare una strategia di marketing su YouTube.

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp